6 NAZIONI FEMMINILE 2012 - ITALIA vs SCOZIA a ROVATO

6 NAZIONI FEMMINILE 2012 - ITALIA vs SCOZIA a ROVATO

6 NAZIONI FEMMINILE: PRESENTATO ALLA STAMPA IL MATCH FRA ITALIA E SCOZIA (ROVATO-18 MARZO 2012) Stampa E-mail


Martedì, 15 novembre.
Il Rugby Rovato ha ottenuto dalla FIR l’assegnazione dell’incontro internazionale fra Italia e Scozia del “Torneo delle 6 Nazioni Femminile 2012” che si disputerà domenica 18 marzo 2012 presso lo stadio “Giulio e Silvio Pagani”.

La Club House della Società ha ospitato ieri sera la presentazione dell’evento alla stampa.
Madrina della serata, così come della manifestazione sportiva, Tania Zamparo, Miss Italia 2000, giornalista e conduttrice di programmi su Rai Uno, Sky Sport 24, del magazine “Terzo Tempo”, del “Sei Nazioni” 2010 e 2011 e della “Rugby World Cup 2011”.
Italia-Galles (12-8) 6 Nazioni Femm. 2011

Radio NumberOne sarà, invece, media partner dell’evento; emittente radiofonica sempre vicina agli avvenimenti sportivi contribuirà ad informare e accrescere l’interesse del pubblico.
L’Orobian Pipe Band ha regalato alla serata un tocco d’atmosfera e folclore. Nel costume tipico delle Highland scozzesi, tre rappresentanti della band orobica hanno intonato con le cornamuse motivi tradizionali concludendo con la coinvolgente “Flower of Scotland”.
Il giornalista e telecronista Gianluca Barca ha condotto la conferenza stampa.
Primo a prendere la parola e a fare gli onori di casa, Fausto Pagani presidente del comitato organizzatore.
“Per il Rugby Rovato – ha esordito – l’evento che stiamo organizzando è motivo di grande orgoglio e occasione ulteriore di crescita nell’ambito nazionale e internazionale del rugby e non solo”.
Molteplici iniziative e manifestazioni collaterali, infatti, saranno volte a far meglio conoscere il territorio bresciano, e la Franciacorta in particolare, sia dal punto di vista artistico e paesaggistico sia economico.
Il presidente ha sottolineato come il Rugby Rovato non sia nuovo all’organizzazione di importanti manifestazioni sportive ricordando che, nel 1996, in occasione del “Torneo FIRA” ben 36 squadre nazionali furono ospitate nel territorio della Provincia. La macchina organizzativa era presieduta da Fausto Pagani e, come allora, il consiglio dell’ASD Rugby Rovato, l’Associazione Old Rugby Rovato ed un gruppo di amici vicini al Club hanno accolto con entusiasmo questa nuova opportunità.
Il sindaco di Rovato, Andrea Cottinelli, ricordando con entusiasmo l’esperienza vissuta in occasione di un incontro di “Heineken Cup” giocato al “Pagani” fra Calvisano e Leicester Tigers, ha confermato il patrocinio del Comune ribadendo l’orgoglio dell’amministrazione e della cittadinanza.
Il Rovatese Pierluigi Toscani, consigliere regionale, ha assicurato anche il patrocinio della Regione Lombardia annunciando, tra il consenso soddisfatto degli organizzatori presenti, lo stanziamento di un contributo.
A nome della Federazione è intervenuto il consigliere Alfredo Gavazzi che, dopo aver ricordato gli ottimi rapporti che da sempre intercorrono con il Club della Franciacorta, ha voluto sottolineare come negli ultimi anni, tra tutte le Nazionali di rugby, quella femminile sia stata la più vincente.
Un assist perfetto per Maria Cristina Tonna, ex atleta azzurra ed ora Team Manager della squadra, che ha rivendicato il valore tecnico del rugby al femminile.
“Per molto tempo il Rugby è stato considerato uno sport troppo rude per essere giocato da donne ma negli ultimi anni stiamo affermando una nostra identità dimostrando, senza voler scimmiottare il gioco maschile, di poter esibire uno spettacolo sportivo piacevole e tecnicamente valido”.
Il movimento femminile è giovane, se pensiamo che solo nel 1991 è arrivato il riconoscimento ufficiale da parte della FIR e dal 1992 si gioca il Campionato Nazionale, ma in costante crescita: le tesserate sono passate negli ultimi 4 anni da 3550 a 6200.
L’ingresso dell’Italia femminile nel “Torneo delle 6 Nazioni”, avvenuto nel 2007, e gli ultimi successi internazionali stanno contribuendo a questa crescita. Sotto la guida di Andrea Di Giandomenico e Daniele Porrino , l’anno scorso le Azzurre hanno chiuso il “Torneo” con due vittorie: contro la Scozia (26-0) e contro il Galles (12-8), risultato che ha confermato lo storico successo ottenuto a Bridgend l’anno precedente (19-15), prima vittoria di una Nazionale Azzurra in terra gallese.
“Sarà un’emozione intensa e particolare quella che mi accompagnerà il giorno della partita”.
Così ha esordito il tecnico Daniele Porrino che a Rovato è di casa avendo fatto parte del Club per tanti anni, sia come giocatore sia come allenatore delle giovanili. Dopo aver sottolineato il carattere puramente dilettantistico del movimento, accomunato dalla passione e dallo spirito di sacrificio delle atlete, il tecnico ha presentato le giocatrici azzurre intervenute per l’occasione: le Bresciane Vanessa Chindamo e Michela Este e la Monzese Silvia Gaudino, capitano della squadra.
Cristina Volpi, membro del comitato organizzatore, a nome del Comitato Femminile Plurale dell’Associazione Industriali Bresciani ha annunciato che in occasione della partita fra Italia e Scozia si terrà, presso la sede dell’associazione, un incontro dal titolo “Il gioco di squadra”.
Il Comitato Femminile Plurale di AIB è un team di lavoro con l’obiettivo di diffondere la cultura delle pari opportunità, studiare e agevolare la presenza femminile nel mondo del lavoro e contribuire alla elaborazione di una normativa favorevole alle famiglie. “Partendo dallo sport femminile – ha spiegato - il comitato ha deciso di creare un’occasione di confronto e riflessione sulla leadership delle donne sia sul versante sportivo sia su quello aziendale, evidenziando quanto il gioco di squadra conti nello sport ma, in generale, nel mondo delle imprese e del lavoro”.
Tania Zamparo, che sarà madrina dell’evento, è intervenuta confessando di aver conosciuto solo di recente il rugby ma di essersi presto appassionata, a tal punto da esserne tuttora tentata dalla pratica.
Infine, ha auspicato una crescita del movimento femminile al quale ha riconosciuto grande dignità e spirito di sacrificio,
ricordando come, negli ultimi anni, siano state le donne a dare maggior lustro allo sport italiano (scherma, nuoto, volley, tennis e ginnastica ritmica, per citare i risultati di maggior prestigio).
Casoncelli e manzo all’olio l’hanno fatta da protagonisti nel banchetto che ha concluso la serata offrendo ai presenti l’occasione per scambiare opinioni, idee e approfondire i temi trattati.
Inutile dire che Tania Zamparo ha accentrato l’attenzione della componente maschile dei commensali, richiestissima per scatti fotografici a ricordo della serata.