CHI E' PIERRE VILLEPREUX

CHI E' PIERRE VILLEPREUX

PIERRE VILLEPREUX INCONTRA I TECNICI LOMBARDI

 

‘Movimento generale in attacco’. Questa è la tematica delle due giornate dedicate dal coach francese Pierre Villepreux ai tecnici delle società lombarde.

 

TEORIA E PRATICA

Gli incontri si svolgeranno con una doppia sessione, la prima parte teorica in aula e subito dopo con la prova pratica sul campo possibile grazie alla collaborazione dei validi ragazzi della Selezione Lombarda under 15 e under 16 convocati dal responsabile tecnico territoriale Prof. Daniele Porrino.

 

DOVE E QUANDO

I corsi si terranno il giorno 7 settembre 2010 a Brescia (Rugby Fiumicello) ed il giorno successivo 8 settembre 2010 al Campo Chiolo di Monza. Per questa seconda data il Presidente del Comitato Lombardo Angelo Bresciani ringrazia sentitamente per la collaborazione e la disponibilità l’Assessore allo Sport del Comune di Monza dr. Andrea Arbizzoni.

 

L’OBBIETTIVO

‘Movimento generale in attacco”. Ossia l’essenza del rugby, segnare una meta e battere la difesa avversaria tramite una eccellente organizzazione collettiva in fase d’attacco. Queste due giornate sono una valida iniziativa organizzata dal Comitato Regionale Lombardo che ha come principale obiettivo dell’imminente stagione una crescita del movimento rugbistico sul proprio territorio. Per formare grandi campioni del futuro è necessario e fondamentale formare ed istruire anche i tecnici delle Società.

 

CHI PARTECIPA

Riteniamo sia importante sottolineare che i corsi sono di libera frequentazione, non esistono vincoli di alcun livello d’allenatore, dunque tutti possono partecipare, anche chi ancora oggi non è allenatore. Per ragioni organizzative è necessario solo compilare un modulo per l’iscrizione al corso (disponibile su www.rugbylombardia.com).

 

Ufficio Stampa Crl – cesare.monetti@rugbylombardia.com

______________________________________________________________________________________________________________

 

Con la presente siamo lieti di invitarvi presso le sedi sotto riportate a partecipare ai corsi di aggiornamento con tema:

 

  • Movimento generale in attacco

Valevole come aggiornamenti di 1° e 2° livello.

 

 

MARTEDì 7 SETTEMBRE A BRESCIA:

Sede: RUGBY FIUMICELLO

 

CAMPO E AULA MENTA:

VIA COLLEBEATO 6,

25127 Brescia (BS)

 

PROGRAMMA:

ore 17:20 ritrovo

ore 17:30 presentazione Pierre Villepreaux

ore 19:00 allenamento sul campo Menta con selezione regionale under15/16

ore 20:30 rientro in sede per confronto su allenamento

ore 21:30 fine corso e saluti

 

 

 

MERCOLEDì 8 SETTEMBRE A MONZA:

Sede: RUGBY MONZA

 

CAMPO Chiolo: Via Rosmini, 71

20052 Monza

 

AULA: Urban Center (binario 7)

Via Turati, 6

20052 Monza

 

PROGRAMMA:

ore 17:20 ritrovo in Urban Center (gentilmente messo a disposizione dall’assessore allo sport sig. Andrea Arbizzoni)

ore 17:30 presentazione Pierre Villepreaux

ore 19:00 spostamento da aula a campo

ore 19:30 allenamento sul campo Chiolo con selezione regionale under15/16

ore 21:00 confronto sul campo.

ore 21:30 fine corso e saluti

 

 

Chi è Pierre Villepreux

 

Pierre Villepreux (Arnac-Pompadour, 5 luglio 1943) è un ex rugbista a 15, allenatore di rugby, dirigente sportivo ed educatore francese, in carriera agonistica attivo come estremo o mediano d'apertura per Brive e Tolosa, nonché 34 volte internazionale francese. Da allenatore fu commissario tecnico della Nazionale italiana e, attualmente è dirigente della Federazione rugbistica francese e di quella internazionale.

 

Carriera agonistica

Nativo del Corrèze, Villepreux, figlio a sua volta di un giocatore di rugby, iniziò la pratica sportiva nel villaggio di Pompadour, nella squadra liceale; successivamente entrò nella formazione giovanile del Brive, principale club del dipartimento, nel quale esordì in campionato come mediano d'apertura.

Più tardi si trasformò in estremo su richiesta del presidente del club, per lasciare il posto di apertura a un giocatore più giovane appena giunto in squadra; in tale ruolo abbandonò la tecnica fin lì utilizzata di calciare in avanti il pallone di punta, per adottare quella di collo piede, alla maniera dei giocatori di calcio, cosa questa che permetteva lanci più profondi e precisi.

Alternando l'attività amatoriale di rugbista alla professione di insegnante di educazione fisica, nel 1965 si trasferì al Tolosa, club con il quale rimase fino alla fine della sua carriera agonistica.

Esordì in Nazionale francese nel 1967 a Tolone, in occasione dell'ultimo test match concesso all'Italia prima del 1997 (60-13 il risultato per i francesi), e prese parte ai Tornei del Cinque Nazioni dal 1967 al 1972, con tre vittorie finali di cui una con il Grande Slam (1968); nel corso del tour francese in Australasia del 1968, nonostante tre sconfitte in tre incontri con la Nuova Zelanda, in uno di essi Villepreux realizzò un'impresa mai realizzata in precedenza, la trasformazione di un calcio piazzato da una distanza di 65 metri dai pali[2].

Il suo ultimo test match, il 34°, fu a Brisbane nel 1972 contro l'Australia; a livello internazionale, fu invitato a giocare anche in tre match nelle file dei Barbarians.

Nel 1975 cessò l'attività agonistica: al suo attivo di club due finali di campionato, entrambe perse, nel 1965 nelle file del Brive e nel 1969 in quelle del Tolosa.

 

Carriera tecnica

Nel 1975 fu inviato dalla Federazione francese a Tahiti per promuovere il movimento in un dipartimento all'epoca dedito solo al calcio e totalmente digiuno di rugby, riuscendo a suscitare interesse in tale disciplina; nel 1978 fu chiamato dalla Federazione Italiana Rugby per guidare la Nazionale: l'esordio con la squadra azzurra fu il 24 ottobre a Rovigo contro l'Argentina, una vittoria 19-6.

Nel triennio alla conduzione della Nazionale italiana Villepreux ottenne risultati di rilievo, grazie anche alla sua idea di organizzare corsi di formazione per tecnici di base; tra le performance più notevoli sotto la sua gestione figurano un 6-6 ottenuto contro una selezione nazionale U-23 inglese, una sconfitta di misura (9-15) contro la Francia A1 e, a fine 1979 (28 novembre), un'altra sconfitta, 12-18, contro gli All Blacks XV, al termine di una prestazione tuttavia convincente, anche se per tale incontro la Nuova Zelanda, di passaggio in Italia per il suo tour europeo, non concesse il full international.

Furono 24 in totale gli incontri di Villepreux alla guida dell'Italia, con 10 vittorie, 1 pareggio e 13 sconfitte.

Terminato l'incarico con la Nazionale italiana, rientrò a Tolosa nel 1981; lì riprese la sua attività di insegnante di educazione fisica in un liceo cittadino e quella di allenatore della squadra in cui militò da giocatore; con quest'ultima vinse tre campionati nazionali nel 1985, 1986 e 1989; come insegnante, altresì, intraprese un progetto integrato, nel suo liceo, di sport e studio, che fu la fucina di numerosi elementi che poi si imposero a livello nazionale e internazionale.

Nel 1995 fu ingaggiato dallo staff tecnico del neo-C.T. della Nazionale francese Jean-Claude Skrela come vice-allenatore. In tale veste preparò la Nazionale nel cammino verso la IV Coppa del Mondo che si tenne in Galles nel 1999; singolarmente, alla sua gestione è ascritta la prima - e, ad oggi, unica - sconfitta dei Bleus contro l'Italia (peraltro guidata da Georges Coste, altro tecnico francese), nel 1997 a Grenoble. Nella Coppa del Mondo di rugby 1999 la coppia Skrela-Villepreux condusse la Francia fino alla finale di Cardiff, poi persa contro l'Australia.

 

Attività dirigenziale ed educativa

Nel 1999 Villepreux cessò anche l'attività tecnica, e ricevette dalla Federazione francese l'incarico di Direttore Tecnico Nazionale, che presiede alla formazione, al settore tecnico, sviluppo, rapporti internazionali e rugby femminile.

In tale veste, Villepreux ha sostenuto la necessità dell'educazione alla disciplina sportiva fin dal livello scolastico e del corretto riposizionamento della filiera formativa verso l'alto livello; ha partecipato e promosso diverse conferenze e iniziative di carattere didattico anche in virtù della sua preparazione in educazione fisica; infine, nel 2003, ha ricevuto dall'International Rugby Board l'incarico di coordinatore dei programmi di sviluppo del rugby in Europa, con l'intento di avvicinare il tasso di competitività dei Paesi di seconda fascia (come Romania, Spagna, Portogallo e Georgia) a quello di coloro che attualmente militano nel Sei Nazioni.

Villepreux è anche autore di diverse opere di divulgazione del rugby, delle sue tecniche e sui suoi metodi d'insegnamento.

Palmarès

Allenatore

                      Campionati francesi: 3 Tolosa: 1984-85, 1985-86, 1988-89

                     Coppe di Francia: 1 Tolosa: 1987-88

                      Campionati italiani: 1 Benetton Treviso: 1991-1992

 

Gallery: